PizzoScalino

Atletica e altro raccontata da Sergio

Giochi Studenteschi ITIS Sondrio

giornata dello sport 22aprile 246 [1024x768]giornata dello sport 22aprile 229 [1024x768] giornata dello sport 22aprile 153 [1024x768]

Giovedì 22 aprile, una bellissima giornata di caldo ma soprattutto di sport per l’ITIS Enea Mattei di Sondrio.
Tutti gli alunni partecipano ad una insolita assemblea, ad una assemblea coinvolgente, ad una assemblea intrigante che mette alla prova non solo le conoscenze (come tra i banchi di scuola) ma anche la resistenza, la rapidità, la forza, insomma mette a dura prova il fisico!
giornata dello sport 22aprile 005 [1024x768]Ed è così che tutti gli studenti si trovano al Campo Coni, chi in pantaloncini corti e scarpe di ginnastica pronto per sfidare gli altri ma soprattutto se stesso in una gara, chi in jeans e maglietta sugli spalti ad incitare i propri compagni, e chi infine, con cronometri, ordini di partenza e bindelle alla mano, per un giorno si trasforma in giudice di gara!
I temerari che hanno deciso di correre, saltare e lanciare sono emozionati e anche un poco ansiosi per la gara perché vogliono tenere alto non solo il loro onore ma anche quello della propria classe, infatti oltre ad essere premiati i singoli partecipanti della gara si premierà anche la classe “più atletica”.
Ore 9 il professor Rampa da inizio alla giornata e lascia il microfono al rappresentante d’istituto Andrea Paganoni , che ci accompagnerà per tutta la mattinata con un ottima ed eccellente telecronaca!
Si inizia con gli ostacoli dove a correre tra tutti gli alunni si distingue una ragazza (una rarità per l’itis) Nadia Yakubi che da filo da torcere ai ragazzi, e poi via gli ostacoli e tutti ai blocchi di partenza dei 100m, gara da sottolineare per l’importanza dal punto di vista tecnico poiché i primi atleti sono riusciti a percorre il rettilineo ad un tempo veramente ottimo. Il primo classificato Scaramella Daniele è riuscito in bengiornata dello sport 22aprile 008 [1024x768] 11,6 sec a percorrere i 100m. Intanto sono iniziate anche le gare delle altre discipline, dal salto in lungo, al lancio del disco, vortex e peso! Prima si sfidano gli atleti del biennio e a seguire quello del triennio. Tutte le gare inoltre sono supervisionate dai Professori di educazione fisica: Rampa, Quadrio, Boscacci. E la gio rnata continua con i 300m seguiti da 1000m, in quest’ultima gara si sono distinti Riccardo Cantoni per il biennio e ,Gregori Castellani per il triennio. E quale altro modo migliore per terminare una giornata di atletica che con una staffetta?!?! Ed ecco allora che si da inizio alla 4×100, le classi portano in campo, o meglio in pista, la loro squadra migliore, agguerrita e assetata di vittoria! Inizia così la gara dove non si corre solo per vincere ma anche per divertirsi e divertire! Seguono poi premiazioni con Preside, Vice Preside, e altre autorità come il presidente del Coni che premiano gli atleti dell’Itis.
Termina una giornata che sicuramente rimarrà nei nostri ricordi, un’ assemblea impeccabile dal punto di vista del tempo (si deve ringraziare il sole e il caldo) ma soprattutto impeccabile dal punto di vista organizzativo (qui si devono ringraziare professori e alunni).
E ora tutti pronti per le provinciali di atletica leggera, dove gli atleti migliori dell’ Itis si affronteranno con altri studenti di altre scuole! Chiuro aspettaci che l’Itis arriva e vuole vincere!!!!
  Foto e Commento Ary                                      
                                                Clicca QUI per Scaricare le Foto delle Gare

 

                                                                     http://res1.esnips.com/escentral/slideshow/folderSlideShow.swf

Annunci

30 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

CAMPIONATO REGIONALE GIOVANILE DI CORSA IN MONTAGNA

PodioSocietàL’AS Premana, con la collaborazione del Comune, ha organizzato domenica 25 aprile la  seconda prova del Trofeo regionale “Crippa Marini” di corsa in montagna riservata alle categorie Esordienti, ragazzi,cadetti e allievi m/f. A livello promozionale in gara anche le categorie esordienti b/c. Molto tecnico il percorso allestito dagli esperti organizzatori sui monti di casa; 178 i partecipanti. Il GP Valchiavenna bissa il successo della prima giornata tra le società precedendo il GS CSI Morbegno e l’US Rogno. Unica vittoria quella di Sara Lhansour (G.S. Valgerola Ciapparelli) nelle allieve, ma moltissimi i piazzamenti sul podio degli atleti della provincia di Sondrio: argento per Silvia R B/C. aviscioni (G.P. Valchiavenna) nelle cadette, Mirko Bertolini (G.P. Talamona Comosystemi) negli allievi, Raffaele Silvani (G.P. Valchiavenna) nei cadetti, Beatrice Seidita (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nelle ragazze; gradino più basso del podio per Alessia Zecca (G.S. Valgerola Ciapparelli) nelle cadette. 
.

27 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

Gare del Fine Settimana

24/04 7 TROFEO VALLI BERGAMASCHE LEFFE (BG)        Classifiche

24/04  Trofeo Volpi  Bovisio Masciago (MI)                     Classifiche

25/04  Mearano  Mezzamaratona                                    Classifiche

25/04  Colico Mezzamaratona                                         Classifiche

25/04  Seveso(MI) Trofeo Città di Seveso                       Classifiche

25/04  Padova  Maratona di S.Antonio                            Classifiche

25/4   1° Trofeo Adelfio Spreafico a.m                          Classifiche

26 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

1° Trofeo Adelfio Spreafico a.m: Ottima la prima con Nicola Golinelli e Maria Righetti su tutti.

Immag022Bella giornata, 190 partenti e numerosi nomi di spicco, questi sono gli ingredienti della prima edizione della corsa in montagna Lecco – Piani d’Erna allestita dai Falchi Lecco, a ricordo delle figura, troppo presto venuta a mancare  di Adelfio Spreafico l’uomo che, oltre ad impegnarsi attivamente nel Gruppo di impegno Missionario di S.Giovanni ha saputo essere anche, negli ultimi anni della sua vita, un punto di riferimento anche per il sodalizio sportivo lecchese.
Nomi di spessore della corsa in montagna lombarda e del panorama degli sky runner sono accorsi in prossimità del piazzale della funivia, con Golinelli Nicola, l’olimpionico di Atlanta e di Vancouver Davide Milesi , Carlo Ratti dei Falchi, il giovane Stefano Butti che dopo un paio di stagioni in Valtellina è tornato a gareggiare per i colori casalinghi dell’Osa Valmadrera a giocarsi le migliori posizioni, mentre nella versione rosa, Maria Righetti a meno di 12 ore da un buon 10’04’’10  sui 3.000mt nel trofeo Volpi a vedersela con l’esperta ultramaratoneta Danie la Gilardi e la forte comasca in casacca Valle Camonica, Ilaria Bianchi.
Poco più di 5 km totali con 800 mt di dislivello racchiusi in 3,5 km di impegnativa e scImmag023ivolosa ascesa sul sentiero numero 1 e provvidenziale quanto invitante discesa finale, di oltre 1 km, con l’arrivo fissato presso il rifugio Marchett.
Partenza puntuale alle ore 9, dopo un minuto di silenzio in ricordi dell’amico Adelfio e velocemente il gruppone si allunga nel primo tratto di asfalto . Stefano Butti il primo a prendere il sentiero per la Costa in direzione Rifugio Stoppani con numerosi escursionisti a far da spettatori. Dopo una prima parte relativamente veloce, Butti deve cedere le armi al ex ciclista e specialista delle vertical sky Nicola Golinelli che letteralmente mette le ali e velocemente distanzia gli avversari scollinando in prossimità del Pizzo d’Erna molto vicino ai 29’. Letteralmente demolite le previsioni di un crono finale attorno ai 35’ con Golinelli che chiude nell’eccezionale tempo di 33’15’’. Gran bagarre per la piazza d’onore con un terzetto a giungere nel tratto finale di veloce discesa, in un fazzoletto di secondi con “Skyratter” Carlo Ratti in 35’28’’ ad avere la meglio sul giovane e generoso Stefano Butti, che dopo una prima parte tutta in testa, era entrato in crisi, scivolando anche in sesta posizione per poi risalire la china nel finale e vincere, a sua volta, in 35’24’’ la volata per il terzo posto a scapito del maratoneta orobico Davide Milesi classe 1964 che chiude in 35’26’’.
Davide Trincavelli è quinto in 35’54’’, “Beno” Enrico Benedetti, uno degli sponsor della manifestazione con la rivista “Montagne divertenti”, reduce dalla staffetta di Leffe, chiude in 36’25’’ distanziando il bravo Roberto Antonelli dei Falchi che chiude la sua prova al settimo posto in 37’11. Un poco di internazionalità è venuta con l’arrivo dello svizzero Freddy Shmid all’ottavo posto in 37’35’’. Praticamente appaiati sono giunti il duo “Paolino” Massimo Colombo e “ Melano” Dario Fracassi entrambi in 38’07’’ in nona posizione.
Più combattuta la prova femminile con Daniela Gilardi a provarci fino in fondo e con la mezzofondista Maria Righetti a prendere il largo solo nella discesa finale su strada bianca dove riesce a distanziare di una trentina di secondi la comunque convincente Gilardi.
Il tempo finale di Maria Righetti è di 42’29’’ , 43’01’’ il tempo della seconda Daniela Gialrdi e 45’03’’ il tempo di Ilaria Bianchi per il terzo posto finale.
Manuela Buzzoni del Pagnona è quarta in 45’41 mentre la futura signora Gotti, alias Lisa Buzzoni dell’Altitude è quinta in 48’23.
Premiazioni finali e a seguire numerosi premi a sorteggio offerti dal Main Sponsor Kapriol con l’amico Sandro Morganti a ringraziare tutti i presenti per la numerosa partecipazione e gli amici Falchi e collaboratori per l’ottima organizzazione messa in campo.
Toccante il ricordo commosso portato ad Adelfio dall’Amico Renato Frigerio che di seguito riportiamo integralmente:
LA MIA CONDIVISIONE DI SENTIMENTI NEL RICORDARE IL NOSTRO ADELFIO, LA SUA FIGURA RIMASTA IN ME, MI COSTRINGE AD ESPORRE POCHI PENSIERI E TROPPO TROPPO INTENSAMENTE MI SI AFFOLLANO EMOZIONI TALI DA NON SAPER DA DOVE COMINCIARE.
ECCO MOTIVATO PERCHE’ RICORRO ALLA LETTERA.
IL RICORDO DI ADELFIO MI RIMANE SCOLPITO NELL’ANIMO, RITENGO CHE POCHE PERSONE LO ABBIANO CONOSCIUTO, STIMATO ED APPREZZATO COME HO POTUTO FARLO IO CHE L’HO INCONTRATO QUANDO ERO POCO PiU’ DI UN RAGAZZO, GIOCANDO A PALLONE, LUI ERA PORTIERE NELLA GRANDE CORTE DI VIA GHISLANZONI , ERANO GLI ANNI DI INIZIO 1950.
LA SUA DISPONIBILITA’, LA SUA APERTURA VERSO GLI ALTRI, IL SUO ENTUSIASMO E LA SUA GENEROSITA’ SONO RIMASTE INALTERATE PER TUTTO IL TEMPO IN CUI HA PROFUSO ANIMA E CUORE NELLA PASSIONE CHE LO CONTRADDISTINGUEVA.
LO RICORDO COME UN PILASTRO PER I MARCIATORI DEL CAI BELLEDO, NELLA VOEI DI LECCO, CON I VARI TROFEO QUATTORDIO E RALLY ESCURSIONISTICO DEL RESEGONE, POI NELL’APE DI LECCO ED INFINE, RIFERIMENTO ED ANIMATORE DI ALTO LIVELLO NEI FALCHI.
NON PUO’ ESSERCI DIMOSTRAZIONE PIU’ VERA DELLA FEDELTA’ DI UN UOMO NEGLI IDEALI IN CUI CREDERE: ANCHE PER QUESTO ADELFIO RIMANE UN ESEMPIO DI CUI TENERE CONTO.
ECCO PERCHE’ RITENGO ADEGUATA, APPROPRIATA ED INDOVINATA L’INIZIATIVA DI QUESTA GARA E LA GIORNATA DI OGGI AL LUI DEDICATA.
SENZA ESITAZIONI E LIETI CHE CON QUESTO EVENTO, SI POSSA IN QUALCHE MODO TRAMANDARE, NELLA FIGURA DI ADELFIO, GLI IDEALI CHE L’HANNO SEMPRE ANIMATO ED ANCHE COME SEGNO DI RICONOSCENZA PER QUANTO DA LUI MOLTI DI NOI HANNO RICEVUTO, DIAMO TUTTI INSIEME LA NOSTRA ADESIONE PERCHE’ QUESTA PRIMA EDIZIONE DEL TROFEO ADELFIO SPREAFICO A.M. CRESCA NEL SEGNO DELLA CONTINUITA’.
RINGRAZIAMO I FALCHI, IL GRUPPO DI RIFERIMENTO DI ADELFIO, PER AVERCI DATO QUESTA OPPORTUNITA’, CHE RIMANE A CONFORTO.
NEL CAMPO DELLE CORSE IN MONTAGNA, ADELFIO VERRA’ SEMPRE RICORDATO COME UN PERSONAGGIO IRRIPETIBILE CHE RIESCE A TRASMETTERCI UN RAGGIO SIGNIFICATIVO DI QUELLA LUCE FORTE CHE HA RAPPRESENTATO PER NOI LA SUA PIENA AMICIZIA E LA SUA TRAVOLGENTE PASSIONE ASSIEME ALLA DEDIZIONE PER LE SOCIETA’ DI APPARTENENZA NELLA REALIZZAZIONE DI TUTTO CIO’ CHE CONDIVIDEVA ED IN CUI CREDEVA CON VOLONTA’ ED ENTUSIASMO CONTAGIOSO.
Per concludere vorrei riprendere una frase rilasciata da Carlo Ratti a conclusione della sua prova che racchiude lo spirito con cui è nata la manifestazione :- “Al di là del risultato sportivo, oggi la cosa più importante era essere presenti”- e dunque grazie a tutti coloro che hanno voluto condividere questa bella giornata.
Melano

26 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

VII° EDIZIONE STAFFETTA NAZIONALE DI LEFFE: SESTO SIGILLO DELLA FORESTALE

L’edizione 2010 della staffetta di corsa in montagna nazionale in memoria del compianto Luigi Castelletti ha chiuso la sua settima edizione con gli organizzatori soddisfatti della prova, andata in scena nel pomeriggio di sabato a causa del’impossibilità di poter utilizzare il centro cittadino il giorno seguente già impegnato per l’anniversario del xxv aprile.
Quarantasei le staffette sulla linea di partenza con un leggero ritardo nello start a causa di un incidente stradale in cui era stato coinvolto uno staffettista, Marco Rinaldi, della squadra maggiormente accreditata alla vittoria finale, la forestale.
A sostituirlo in prima il compagno Manzi, che pur faticosamente riesce a giungere sul traguardo con alcuni secondi di vantaggio sul “padrone di casa” Max Zanaboni delle Valli Bergamasche e il rappresentante della Valle Camonica Davide Pilatti, molto a suo agio sul percorso leffese. A seguire Cristian Terzi delle Valli Bergamasche B e Danilo Bosio della Recastello e Luca Bonazzi delle Orobie che nella prima parte della salita aveva dettato il ritmo.
Seconda frazione con Marco de Gasperi ad incrementare il vantaggio su Mauro Lanfranchi portando il gap a 50’’ , più consistente il divario con il terzi, Eris Costa della Recastello e Riccardo Faverio delle Orobie giunti quasi appaiati a oltre 3’.
Terza frazione con il camuno della forestale Marco Rinaldi a non riposare sugli allori e noncurante del buon vantaggio su Andrea Regazzoni, fresco vincitore della mezza di Provaglio Val Sabbia, fa registrare la miglior prestazione della giornata con 31’14’’.
Vittoria dunque del trio capitolino che chiude in 1h34’51’’ distanziando di quasi 2’ la formazione di Privato Pezzoli che chiude in 1h36’48’’. Sul gradino più basso del podio la terna di Luciano Merla, la Recastello Radici con il lariano ”Ruggi” Fabio Ruga in terza frazione a chiudere in 1h40’46’’ con il sesto crono individuale di giornata. Seguono poi le Orobie, la Valle Camonica, l’A.D.M. Valtellina con il capitano Zugnoni in terza frazione a recuperare , il San Pellegrino con i tre sky runner Semperboni, Bonfanti, Gotti, sono settimi mentre ottavi sono le Valli Bergamasche squadra B, 9^ è l’Alta Val seriana e il GP Talamona Sondrio, con la terna formata dall’ex forestale Fracassi, Ambrosini e l’ex azzurro Fabio Ciaponi chiude con un buon decimo posto.
Miglior crono individuale dunque di Marco Rinaldi in 31’14’’ con 4’’ di vantaggio sul capitano Marco De Gasperi, terzo Mauro Lanfranchi in 32’.
A livello societario la somma dei tempi delle tre miglior terne ha visto prevalere l’Atletica Valli Bergamasche i 5h17’01’’ , seconda la Recastello in 5h22’59’’, terza il GS Orobie in 5h29’048’’, quarta la squadra valtellinese del GP. Talamona in 5h 38’58’’ e quinta l’Atl.Torre in 5h 57’43’’.

Melano                                                         CLASSIFICA INDIVIDUALE     a SQUADRE

26 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

campionati mondiali studenteschi di corsa campestre

Riceviamo e pubblichiamo da parte di Claudio Caracristi, insegnante ISEF e tecnico Fidal in forza al CRUS Pedersano una comunicazione riguardante la partecipazione di un suo atleta ai campionati mondiali studenteschi di corsa campestre. Per la precisione si tratta di una lettera aperta di Caracristi inviata al presidente della Fidal, Franco Arese.
logofidalEgregio signor Presidente.
Mi chiamo Claudio Caracristi e sono un tecnico FIDAL tesserato con la società sportiva CRUS Pedersano del Comitato di Trento. Seguo l’atletica leggera da più di vent’anni pur provenendo da tutt’altro settore sportivo (da giovane ho praticato la lotta greco-romana per una quindicina d’anni). Sono anche un insegnante di educazione fisica che lavora nella scuola media da più di trent’anni e che, nel limite del possibile, cerca di garantire quel collegamento tra mondo dello sport e mondo della scuola della cui mancanza molto spesso ci si lamenta.
Mi rivolgo a Lei per manifestare la mia profonda amarezza e delusione in merito ad una vicenda che ha visto coinvolto un mio atleta (e non solo lui, ovviamente) e nei confronti della quale mi ritrovo non solo disorientato, ma decisamente irritato, per non dire di peggio.
Cerco di riassumere brevemente i fatti.
Io alleno l’atleta Luca Mazzola (categoria allievi) che durante la passata stagione, tra gli altri risultati, è arrivato al terzo posto individuale e al primo posto di squadra nei Campionati sportivi studenteschi di corsa campestre. Grazie a questo risultato si è guadagnato il diritto a partecipare ai Campionati Mondiali studenteschi in programma durante questa settimana nella Repubblica Ceca. Subito dopo i Campionati Italiani di corsa campestre di quest’anno, disputati a Formello e durante i quali Luca si è piazzato al quarto posto, è arrivata da parte della FIDAL la sua convocazione per i Campionati Mondiali studenteschi di cui ho già accennato. In questo modo Luca aveva la possibilità di partecipare ai suddetti Campionati sia come studente dell’Istituto "Pozzo" di Trento, che come rappresentante della selezione italiana. Dopo essere stato sollecitato dal rappresentante della FIDAL sig. Andreozzi a prendere una decisione in merito e in perfetto accordo con la sua scuola e anche su mio consiglio, Luca decideva di partecipare ai Campionati come rappresentante della "Nazionale" lasciando il suo posto nella rappresentativa scolastica ad un compagno di Istituto.
Gli accordi per la partenza della rappresentativa italiana prevedevano il ritrovo a Bergamo nella serata di domenica 18 aprile per poi partire con volo aereo nella mattinata di lunedì alla volta di Bratislava. Nel pomeriggio di sabato 17 aprile una telefonata del sig. Silvano Danzi avvisava i rappresentanti trentini della rappresentativa italiana (Luca Mazzola, Irene Baldessari e Neka Crippa) che, a causa della chiusura degli spazi aerei conseguente al problema dell’eruzione vulcanica islandese, non ci si doveva recare a Bergamo, ma rimanere in attesa di nuove disposizioni.
Le risparmio il resoconto delle telefonate effettuate nella giornata di domenica per cercare di capire quale sarebbe stato l’esito della vicenda, come Le risparmio il resoconto sulla tensione dei ragazzi che non sapevano se sarebbero partiti oppure no. Mi soffermo invece sul fatto che questa mattina (lunedì 19 aprile) venivo avvertito che la rappresentativa italiana avrebbe rinunciato alla partecipazione ai Campionati mondiali studenteschi in quanto non era possibile effettuare la trasferta in Repubblica Ceca. La nota curiosa è che nel frattempo la rappresentativa scolastica di Trento, che avrebbe dovuto volare assieme alla rappresentativa FIDAL (e per quello che mi risulta anche quella femminile, di cui non conosco la provenienza), partiva alla volta della Repubblica Ceca con pullman reperito sabato sera o domenica dal responsabile scolastico della trasferta. A mia precisa domanda il responsabile FIDAL sig. Andreozzi mi rispondeva che nella giornata di domenica non era riuscito a contattare nessun funzionario FIDAL in grado di autorizzare l’accordo con l’Istituzione scolastica per predisporre una trasferta comune in pullman.
A questo punto mi permetta di porle due domande:
Le sembra possibile che l’istituzione scolastica sia riuscita, in brevissimo tempo, a trovare una soluzione alternativa che ha consentito di salvare la partecipazione degli studenti interessati ai Campionati, mentre la FIDAL no?
Le sembra possibile che non si sia potuta trovare una soluzione comune che consentisse la trasferta ad entrambe le rappresentative?
Ed inoltre, cosa che personalmente mi preme maggiormente:
dopo aver salutato i suoi compagni che partivano in pullman, stamattina Luca, con le lacrime agli occhi, mi ha chiesto: perchè loro possono partire e noi no? ti sembra giusto? è in questo modo che la federazione agisce per promuovere lo sport giovanile e valorizzare i suoi atleti?
Io so che Luca non avrà molte altre occasioni per vivere un’esperienza come quella che si era guadagnato sul campo e quindi per questo, non trovandola dentro di me, Le chiedo cortesemente di dare Lei una risposta alla più che legittima domanda del mio ragazzo.
Ed infine mi permetta di rivolgerLe un’ulteriore domanda: cosa devo rispondere a quel tecnico/educatore che amareggiato, deluso e decisamente irritato in questo momento ha preso in mano il suo tesserino di tecnico ed è fortemente tentato di metterlo in una busta e spedirvelo accompagnato da un semplice messaggio "mi spiace, ma non mi riconosco più in questo modo di agire!"
Sperando in un Suo cortese riscontro
Claudio Caracristi

23 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

21^ Trofeo Morbegnese

 http://res1.esnips.com/escentral/slideshow/folderSlideShow.swf  http://res1.esnips.com/escentral/slideshow/folderSlideShow.swf

               Categoria Assoluti Maschile QUI                                                          Premiazioni QUI

19 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

21^ TROFEO MORBEGNESE

19 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

Panoramica sul week end dei ragazzi del running team co-ver mapei

Questo week end sono stati tanti gli atleti del running team co-ver mapei a gareggiare per tutto il nord italia.
Iniziamo da Giovedi con il quarto posto a casorate sempione sui 3000m di Stefano Clemente in 9’14" nuovo primato personale, dietro ai due marocchini Oukrid e Ouyat e al mezzofondista matteo salvioni.
Sabato in occasione dei campionati regionali sui 10.000m in pista 7°posto e titolo tra le promesse di Matteo Vecchia in 35’25 non in perfette condizioni fisiche.
Domenica si sono ottenuti imigliori risultati:
-A Vilaldossola in occasione dei campionati regionali di corsa in montagna quarto posto di Mauro Bernardini dietro ai due atleti più forti d’italia sula specialità i gemelli dematteis e a Rolando Piana altro specialista della distanza.Ottima prova per l’atleta ossolano.
-In veneto nella gara su strada "puro 10.000m" Vittoria Di Diego Gaspari in 31’20 su Michele Giofre e su Bazhar Taoufik .Un altra gara positiva per il forte atleta veneto portacolori del nostro team.
-A Genova ottimo sesto posto e primo degli italiani per armando sanna in 1’08’40 tempo discreto che dimostra un buon ritorno del nostro atleta.
Bravi Ragazzi e in Bocca al lupo per le prossime gare..

27415_1293377378_2419_qMatteo Vecchia

19 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento

Gare di domenica 18 Aprile

normal_18_04_2010_Cernusco_L_Maratonina_Roberto_Mandelli_0001

Il primo a tagliare il traguardo della gara maschile è stato Roberto Pozzoli che ha vinto con il tempo di 1:15:15 precedendo di soli 4” Marco Losa. Sul terzo gradino del podio si è invece sistemato Fabio Copes (1:16:26).
Vincitrice nella  gara femminile  la lecchese Daniela Gilardi che ha vinto con il tempo di 1:23:46. seguita da Silvia Moreni (1:25:52) che ha preceduto Elena Mauri (1:27:04). 518 gli atleti classificati

                                             CLASSIFICA 

 

      C.D.S. DI CORSA – 1^ PROVA REGIONALE – KM 10

CAMPIONATO REGIONALE INDIVIDUALE ASSOLUTO METRI istock_000000643318medium10000 – GAVARDO  BRESCIA

   ZUGNONI Graziano    31:01.40                                   

                                        CLASSIFICA

19 aprile 2010 Posted by | Senza categoria | Lascia un commento